header-area-background-wrapper
Menu
site-banner
center-left-menu

Guarda il video

Video di 1 min.
center-right-menu

Estendere l’azione delle zone franche negli UAE

30 January 2015
Le zone franche negli Emirati Arabi Uniti (UAE) hanno riportato un aumento del sette per cento, anno dopo anno, dei flussi commerciali ad AED 269,6 bn (USD 73,4 bn) nei primi sei mesi del 2014. Nello stesso periodo, lo scambio in peso è aumentato del 27 per cento rispetto allo stesso periodo del 2013, raggiungendo 16 milioni di tonnellate. 11,2 milioni di tonnellate sono state le importazioni, 1,1 milioni di tonnellate le esportazioni, e 3,7 milioni di tonnellate le ri-esportazioni.
 
I telefoni cellulari sono stati il prodotto di punta importato nelle zone franche degli UAE nel corso del periodo di riferimento, pari al 21 per cento del totale delle importazioni in termini di valore. Sono stati anche il prodotto più riesportato, pari al 30 per cento di tutte le riesportazioni dalle zone franche. Altre importazioni chiave nelle zone franche hanno riguardato veicoli, monitor di computer e proiettori. Le principali esportazioni hanno riguardato sigarette, sistemi di guida ottici per imbarcazioni, impianti antincendio per imbarcazioni e filo di rame.
 
L’Autorità federale delle dogane ha affermato che le zone di libero scambio degli UAE stanno mostrando una crescita esponenziale negli ultimi anni, grazie alle politiche commerciali flessibili del governo e alle varie agevolazioni predisposte dagli UAE per incentivare grandi aziende di tutto il mondo a insediare le fabbriche nelle zone franche. Le zone franche negli UAE offrono una serie di incentivi fiscali alle imprese che operano al loro interno, come i tassi allo zero per cento sulle imposte personali e aziendali e gli oneri doganali allo zero per cento su importazione e riesportazione.
 
www.lowtax.net

Iscriviti alla nostra Newsletter

Condividi su: